Dimissioni irrevocabili revocate: sindaco personalmente indebolito.

Malinverno - Mattinzoli

Egregio direttore*,
scrivo in merito alla vicenda paradossale delle dimissioni irrevocabili revocate dal sindaco Guido Malinverno.

Il sindaco Malinverno si dimette scrivendo che “la situazione politica attuale fatta di continue inutili mediazioni e la mia incapacità di fare rispettare regole e ruoli, in particolare quelle del presidente del consiglio comunale mi impongono di rassegnare le mie dimissioni”. Come affermato in seguito dal sindaco in un’intervista, le dimissioni sono dovute alla mancanza di rispetto delle regole da parte del presidente del consiglio comunale Rino Polloni.

A questo punto, c’è qualcosa che proprio non capisco. Se le motivazioni addotte dal sindaco sono vere, perché la maggioranza non ha fatto quadrato attorno al sindaco e non ha sfiduciato il presidente del consiglio comunale? (fra l’altro, visti gli illustri precedenti desenzanesi, magari potrebbe rivelarsi l’inizio di una promettente carriera politica ai più alti livelli).
Altra cosa che non capisco: il mancato rispetto delle regole è cosa grave, se porta il sindaco alle dimissioni, ma smette di essere grave nel giro di poche ore. E così le dimissioni vengono ritirate con tanto di riappacificazione esibita. Di certo preoccupa questa evidente difficoltà del sindaco ad avere contezza della realtà e un errore di valutazione così grave imbarazza.
Polloni è andato a Canossa? Il sindaco nella sua benevolenza paterna ha perdonato il discolo? Purtroppo c’è poco da scherzare.

Io la vedo piuttosto così: da questa vicenda Malinverno esce personalmente indebolito e la sua maggioranza è ormai tenuta sotto ricatto dalla Lega, altro che rafforzamento del sindaco!
In ogni caso il sindaco dei cittadini è ormai in balia delle segreterie dei partiti, alla faccia della civicità tanto esibita in campagna elettorale.

Maria Vittoria Papa
Ex consigliere comunale PD
Desenzano del Garda

*Lettera pubblicata sul BresciaOggi di martedì 17 ottobre

Posted in Opinioni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>